Stop ai tatuaggi, sempre più persone pentite di averlo fatto

0
220
Stop ai tatuaggi

Pentiti dicono stop ai tatuaggi: si pentono soprattutto le donne

È curioso quanto sta accadendo, negli ultimi giorni, a molte persone tatuate: sembra quasi l’avverarsi di quella profezia di mamme e nonne contrarie all’inchiostro indelebile sulla pelle, quelle che spesso sono solite ripetere ai propri figli frasi di condanna dell’uso dei tatuaggi ed avvertimenti che sanno tanto di ultimatum come “Un giorno ti pentirai di averlo fatto”.

Stop ai tatuaggiEd in effetti, il pentimento è proprio quello che sta accadendo a moltissime persone che, dopo aver trascorso molti anni insieme al loro tatuaggio, decidono che è il momento di darci un taglio o, almeno, di cancellare il segno indelebile della loro ‘misfatta’. Coppie che si lasciano, amicizie al capolinea, o ancora idoli che ‘tradiscono’ la squadra del cuore per vendersi al migliore offerte: sono questi i motivi più comuni per cui il 57% delle persone tatuate sceglie di eliminare il tatuaggio dalla loro pelle.

La recente ricerca scientifica portata avanti da Quanta System Observatory su persone di età compresa tra i 18 ed i 60 anni parla chiaro: molte persone, al giorno d’oggi, si pentono di aver ricorso al tatuaggio per imprimere sulla loro pelle un ricordo o un momento particolare della loro vita, ed il 25% di essi vorrebbe cancellare del tutto il tatuaggio.

Più suscettibili al pentimento sono le donne (54% degli intervistati), spesso pentite per la fine di un rapporto d’amore o di un’amicizia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × tre =