Home Blog

Ex Sede Banca d’Italia di Cuneo: sede per l’Accademia delle Belle Arti

0

Il nuovo anno scolastico dell’Accademia di Belle Arti a Cuneo  è iniziato oggi, martedì 20 ottobre, dopo tanti mesi di incertezze e vari protocolli varati.
Da quest’anno, come noto ormai da molti mesi, l’Accademia potrà vantare una nuova prestigiosa sede in Corso Nizza, nei locali che sono stati per decenni della Banca d’Italia.
Ovviamente, visto la situazione che sta vistosamente peggiorando anche in Piemonte a livello di contagi, l’inaugurazione non è stata fatta. Si terrà appena le condizioni epidemiologiche lo permetteranno.
Oggi, 200 nuove matricole si sono trovati nella struttura, per iniziare al meglio e soprattutto in sicurezza il nuovo anno accademico.

Lupi neri canadesi, l’allarme di Coldiretti Cuneo

0

Le forti alluvioni delle scorse settimane hanno provocato, oltre ai danni strutturali, anche alcuni danni collaterali che rischiano di colpire gli allevatori di Cuneo.
Secondo quanto affermato da Coldiretti Cuneo nelle scorse notti dal Parco “Alpha”, situato  sulle Alpi Marittime francesi a 2 passi dai confini del cuneese, sarebbero scappati  ben sette lupi neri canadesi allevati in semi libertà.
La preoccupazione principale, oltre che per l’incolumità delle persone che potrebbero trovarseli da soli, è per gli allevatori locali.
I lupi, in cerco di cibo, potrebbe distruggere allevamenti di bestiame vari producendo un grosso danno economico a tutti gli allevatori del cuneese e non solo.

Spazio verde in casa? Ecco come organizzarlo

0

Dedicarsi al giardinaggio è senza alcun dubbio una delle attività più rilassanti, ancora di più se lo si fa in casa.
Prima di tutto è utile per abbellire e rendere più piacevole l’ambiente e in secondo piano perché una qualunque pianta in casa può portare molti benefici anche alla nostra salute.
Basta pensare alle comuni piante di basilico e rosmarino che vengono vendute nei supermercati a prezzi davvero irrisori, in cucina sono di grande aiuto per condire tutti gli alimenti e renderli molto più appetitosi.
Ecco quindi come piantare due piantine ottime per la salute , la lavanda e il tarassaco. 

Il deputato Dem Borghi sulle alluvioni: urge legge Speciale per il Piemonte

0

Dopo le alluvioni che hanno devastato in Nord Ovest dell’Italia, le zone più colpite sono state oggetto di visita da vari esponenti politici e non di caratura nazionale.
Tra i volti più noti del momento sicuramente Angelo Borrelli, presidente attuale della Protezione Civile, e il Sottosegretario al Ministero dell’Ambiente, Roberto Morassut.
A fare da “Cicerone” tra i resti dell’alluvione, ci ha pensato il deputato Dem Enrico Borghi. 
Proprio Borghi, che bisogna ricordare come sindaco di Vogogna prima che parlamentare, ha lanciato delle proposte molto interessanti alle 2 personalità presenti sul posto in rappresentanza del Governo. 

Val Roya, le strade non esistono più. Richiesti nuovi treni

0

Dopo le alluvioni che hanno colpito la zona tra il Piemonte e la Francia ed in particolare la Val di Roya, i collegamenti stradali sono praticamente inesistenti.
Si sono registrati centinaia di crolli o zone in cui addirittura non esiste proprio più la carreggiata.
Per questo motivo la linea ferroviaria Cuneo – Nizza è oramai presa d’assalto ogni giorno da lavoratori e studenti che, in tempo di Covid, non vorrebbero stare ammassati in qualche vagone.
Per questo è forte la richiesta di pendolari e sindacati al fine di poter aumentare le corse dei trani nelle fasce più “calde”, ovvero prima mattina e orario di fine ufficio.

Danni dell’alluvione: nella Granda oltre 64 milioni di euro

0

L’alluvione che ha colpito il Nord Italia negli scorsi giorni, continua a far parlare di sé.
Come dopo ogni evento naturale che colpisce l’uomo, nei giorni successivi inizia la conta dei danni che, in questo caso, sono molto più ingenti del previsto.
I vari comuni hanno stilato una “lista” delle urgenze che verrà consegnata nelle prossime ore al Ministro degli Interni per poter preparare poi un piano di aiuti e di ricostruzione.
Sono 360 gli interventi definiti prioritari del documento redatto poche ore fa e, nel calcolo economico, la zona del Cuneese risulta colpita per ben 64 milioni di euro. 

Collegamento con la Costa Azzurra: Cuneo ne ha bisogno?

0

Dopo la disastrosa tempesta che ha colpito la Francia e parte dell’Italia settentrionale, la Camera di Commercio Italiana si è riunita a Nizza per programmare il da farsi.
Le alluvioni hanno praticamente distrutto un collegamento strategico tra l’Italia e la Francia, quella che in provincia di Cuneo è più semplicemente denominata “la via per il mare“.
Questa rappresentava in entrambi i sensi di marcia, una rotta commerciale e turistica di fondamentale importanza, ma ad oggi, dopo i vari crolli, in pratica non esiste più.
La valle della Roya infatti, una delle zone più colpite, era nonostante tutto la strada più breve per collegare Piemonte e Francia.

Freddo, esistono alimenti per difendere il nostro organismo?

0

Dopo un’estate che si è rivelata tra le più calde della storia, in cui le piogge sono state quasi assenti fino al mese di settembre e le temperature si sono stabilizzate con costanza sopra i 30 gradi, in questi giorni sta per arrivare la stagione invernale.
Le temperature si sono già abbassate ormai in tutta Italia e negli ultimi giorni la pioggia sta scendendo in maniera incessante provocando molti  danni ambientali anche importanti.
Inoltre questo sbalzo improvviso delle temperature ha dato inizio dai alcuni malanni e problemi di salute che in un periodo particolare caratterizzato dal Covid-19, sarebbe meglio evitare.
Per fronteggiare a tutto ciò . esistono alimenti che aiutano a rafforzare il nostro organismo.

Ecco i manager della ripartenza del Campus di Cuneo

0

Il campus di Cuneo si è reso protagonista anche al tempo del distanziamento causato dal Covid, grazie a progetti che consentono la piena vicinanza dei giovani al mercato del lavoro e alla docenza dei corsi che hanno fatto del capoluogo della Granda il riferimento del mondo industriale e professionale nelle politiche di scelta dei manager di un domani ora non troppo lontano.
Questi nuovi futuri manager, oltre a tutti i compiti e doveri che da decenni spettano alle cariche che andranno a ricoprire, avranno anche il compito di gestire la faticosa ripartenza post lockdown causato dalla pandemia.

Cuneo, blocco del traffico e rivolta degli artigiani

0

I vari blocchi del traffico imposti dalla Regione Piemonte per tamponare il problema inquinamento non stanno andando giù agli artigiani della città.
Dure le parole di Giorgio Felici, Presidente di Confartigianato Imprese Piemonte: “Tutte le mattine un artigiano cuneese si sveglia, si affaccia alla finestra per vedere che tempo fa e si chiede: potrò circolare e lavorare? Domani mattina sicuramente la risposta sarà negativa, visto l’ennesimo annuncio del blocco del traffico da parte della Regione. Insomma, la giusta lotta all’inquinamento prosegue con provvedimenti tampone. Come artigiani non intendiamo sopportare una simile improvvisazione in materia di mobilità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi