Festa del 25 Aprile, Cuneo si organizza nel rispetto delle regole

0
283

Per quest’anno, la città di Cuneo dovrà rinunciare alla classica manifestazione al di sotto del monumento alla Resistenza del 25 Aprile.
La manifestazione, composta da un ritrovo sotto la statua, una fiaccolata e il tradizionale concerto conclusivo, sarà però provata a rimpiazzare con iniziative Social e ‘da casa’.
Quest’anno sarebbero dovuti essere festeggiati i 75 anni della liberazione del Nazifascismo.
Proprio per questo, varie associazioni e istituzioni del territorio stanno organizzando un cosiddetto “Nuovo 25 Aprile“, festeggiato da casa nel rispetto delle norme anti contagio da Covid-19.

Precisamente, a cominciare questa iniziativa ci hanno pensato: l’Istituto Storico della Resistenza di Cuneo, l’Anpi provinciale, l’attuale Consulta Giovanile, la Fondazione Nuto Revelli, l’ associazione Micò e l’associazione Ora e Sempre, La Centrale, Varco e il Conservatorio Ghedini.
L’idea di queste varie associazioni, è dare al 25 Aprile un tipo di festeggiamento “emergenziale”. 
Il loro progetto, avrà un titolo, che è anche un riassunto del tutto, ovvero:  #unamattinamisonconnesso.
Tutto il progetto, sarò incentrato sulla produzione di un filmato ispirato ai temi fondamentali della nostra Costituzione quali: libertà, uguaglianza e informazione.
Il filmato sarà pubblicato su tutti i canali social istituzionali nella serata di venerdì 24 aprile.
L’hashtag servirà inoltre a raccogliere tutti i contributi che certamente i cittadini cuneesi vorranno dedicare a questo 25 aprile speciale.

Sulla questione è intervenuto anche il Sindaco Federico Borgna ce ha dichiarato:
In questo 2020 senza tempo, possiamo vivere il 25 Aprile basandoci sul significato più profondo che una celebrazione ha, cioè tributando il giusto ricordo a coloro che si sono sacrificati e hanno donato la loro vita per difendere i valori di libertà e democrazia
Ora non resta che attendere la pubblicazione del video e magari, tramite una condivisione, fare arrivare questa iniziativa in tutta Italia, grazie all’influenza, positiva questa volta, che i Social Network possono avere.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − tredici =