Mer. Mag 22nd, 2019

Punto cuneo

Documenti e notizie dal mondo.

Verniciatura a spruzzo, tutti di lavorazione per un risultato ottimale

2 min read
statua marmo

statua marmoSabbiatura e Verniciatura di Andrea Martini Srl è azienda leader nel settore della sabbiatura e della verniciatura a livello professionale. Gli anni d’esperienza maturati sul campo, unitamente alla professionalità e competenza del personale specializzato, permettono di soddisfare le esigenze delle clientela con un servizio completo e di alta qualità. L’azienda opera con successo su materiali metallici, ferrosi e non ferrosi, su legno e marmo, nonché nel campo delle Belle Arti.

La lavorazione per la verniciatura a spruzzo inizia con il posizionare i manufatti da ricoprire in maniera razionalizzata. In questo modo, l’operatore va a realizzare una sorta di catena di montaggio, che consente di operare in totale semplicità, senza rischiare di inficiare il lavoro da svolgere. A questo punto, gli addetti alla verniciatura predispongono i materiali da utilizzare e settano gli hardware e i software degli impianti preposti.

I pezzi che hanno superato la fase di controllo vengono montati su un nastro trasportatore, il quale agevola le operazioni di spostamento del pezzo, sottoposto a più fasi di lavorazione. Tutti i pezzi vengono controllati preventivamente, in modo da individuare quelli non conformi, che vengono immediatamente scartati. Il primo passaggio consiste nella fosfatazione – altresì detta sgrassaggio alcalino – con sistema di controllo dei parametri. Il manufatto è poi sottoposto a lavaggio tramite acqua demineralizzata, per due volte, per poi passare alla fase di asciugatura in forno.

La verniciatura a polvere, invece, avviene tramite l’utilizzo di due o tre cabine, impiegate alternativamente. L’applicazione delle resine termoindurenti, che di fatto coloreranno il manufatto, avviene grazie all’impiego di erogatori. Le apparecchiature, che solitamente consistono in pistole air-mixed, spruzzano la polvere a particelle cariche elettricamente che, per effetto del campo elettrostatico presente sulla superficie, aderiscono perfettamente al manufatto. Durante le operazioni di verniciatura, una delle cabine è operativa, mentre la seconda filtra e recupera la polvere, da utilizzare per una lavorazione successiva.

Il pezzo verniciato è poi inserito in un forno a campana per la polimerizzazione della polvere, a una temperatura di 180/200°C. Una volta ultimata l’operazione di polimerizzazione, il manufatto è rivestito con una resina termoindurente altamente resistente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi