L'assessore Regionale Claudio Sacchetto
L'assessore Regionale Claudio Sacchetto

Il digestato è un sottoprodotto, non un rifiuto: adesso è legge

Cuneo - Soddisfazione dell'assessore all'agricoltura Sacchetto

mercoledì 12 settembre 2012 14:30 : Economia & Lavoro : Nessun commento
Bookmark and Share

 

Nella legge di conversione del decreto “Misure urgenti per la crescita del Paese”, come riportato dalla Gazzetta Ufficiale, è stata disposta la qualificazione del digestato come sottoprodotto, e non come rifiuto.

Il provvedimento va in questo modo non solo a colmare una normativa fino a questo momento poco chiara, ma apre a nuove rilevanti opportunità nell’ambito dell’attività agricola: il digestato, in tale ottica, non sarà più considerato un danno per l’ambiente ma, al contrario, una risorsa, in quanto concepito quale ammendante utilizzabile sui terreni.

Come riportato sulla Gazzetta è considerato sottoprodotto il digestato ottenuto in impianti aziendali o interaziendali dalla digestione anaerobica, eventualmente associata anche ad altri trattamenti di tipo fisico-meccanico, di effluenti di allevamento o residui di origine vegetale o residui delle trasformazioni o delle valorizzazioni delle produzioni vegetali effettuate dall'agro-industria, conferiti come sottoprodotti, anche se miscelati fra loro, e utilizzato ai fini agronomici.

L'assessore Regionale all’Agricoltura Claudio Sacchetto ha dichiarato “Qualificare il digestato in termini di sottoprodotto anziché come rifiuto può essere considerato un grande passo in avanti per il comparto agricolo. La legge pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale va infatti considerata sotto due aspetti: in primo luogo il superamento di un difetto normativo, allo stato attuale infatti in diverse regioni si sono verificate problematiche interpretative nell’applicare le direttive in materia: adesso le disposizioni sono maggiormente chiare. In secondo luogo il digestato inteso come ammendante apre nuove opportunità per l’agricoltore. Un novità positiva che tutto il mondo rurale attendeva. Il Piemonte, in sinergia con altre Regioni, ha sollecitato con determinazione nel tempo il raggiungimento di tale risultato e oggi non può che salutare con soddisfazione la disposizione sul digestato.”.